XPO Logistics Europe annuncia i risultati annuali per il 2016

Forte crescita nella Supply Chain trainata dall'e-commerce

Share this article

XPO Logistics Europe ha registrato un fatturato annuo consolidato 2016 pari a € 5.425 milioni, segnando una crescita dello 0,2% rispetto al 2015 (3,8% a tassi di cambio costanti(1)).

 

Il risultato ante imposte ed oneri finanziari (EBIT) del 2016 è pari a € 204,9 milioni, a fronte di € 103,3 milioni nel 2015, un incremento del 98%. Tale aumento è il risultato delle attività combinate delle unità di business Transport Solutions, Supply Chain Europe, Supply Chain US e Global Forwarding, e delle variazioni negli elementi non ricorrenti del 2016 rispetto al 2015, come precisato nella nota 2 qui di seguito.

 

Una volta contabilizzati gli oneri finanziari netti per € -67,1 milioni nel 2016 (contro € -58,6 milioni nel 2015, un aumento di € 8,5 milioni, dovuto principalmente a ricavi e perdite su tassi di cambio), gli oneri per imposte sulle società per € -49,2 milioni nel 2016 (contro € -26,5 milioni nel 2015) dopo aver tenuto conto delle partecipazioni di minoranza e dei risultati delle società consolidate con il metodo del patrimonio netto per € -3,2 milioni nel 2016 (contro € -1,6 milioni nel 2015), l'utile netto di Gruppo si attesta a € 85,5 milioni, un importo più di cinque volte superiore a quello registrato nel 2015.

 

Il debito netto del Gruppo al 31 dicembre 2016 è pari a € 989 milioni (3), in flessione di € 109 milioni rispetto al 31 dicembre 2015.

 

Troy Cooper, CEO di XPO Logistics Europe, ha così commentato questi risultati: “La nostra performance nel 2016 è stata guidata dal successo della nostra capacità di integrazione nella rete globale XPO Logistics e dalla solida collaborazione prodotta da tale operazione. Disponiamo di un'infrastruttura efficiente, di nuovi strumenti tecnologici e, recentemente, abbiamo offerto ai clienti un nuovo servizio, con il lancio dell'attività logistica di ultimo miglio nel Regno Unito, in Irlanda e nei Paesi Bassi.

 

L'unità di business Supply Chain Europe ha registrato una crescita del fatturato del 7,7% a tassi di cambio costanti, su base annua. La Supply Chain ha beneficiato dell'accelerazione della crescita in diversi settori e segmenti di clientela, con la domanda maggiore proveniente da due settori: l'e-commerce e la gestione della catena del freddo. Nella nostra unità di business Supply Chain US, il maggior fatturato generato dai servizi di contract logistics è stato compensato da un calo dei volumi legati al trasporto.

 

L'unità di business Transport Solutions ha registrato una crescita del fatturato dell' 1,8% a tassi di cambio costanti, nonostante il calo del prezzo del greggio. Il miglioramento dei volumi ha contribuito a una performance positiva su base annua, soprattutto nelle nostre attività operative KeyPL (4PL), che hanno raddoppiato il proprio fatturato rispetto al 2015”.

 

 

Dati chiave consolidati per l'esercizio 2016:

 

(M€) 2016 2015

Variazione

2016 vs 2015

Fatturato 5.425 5.415   +0,2%
EBIT 204,9 103,3   +98,3%
Utile netto di Gruppo 85,5 16,7   +411,9%

 

 

Fatturato per unità di business:

 

(M€) 2016 2015

Variazione

2016 vs 2015

Variazione a tassi di cambio costanti
Transport Solutions 2.175 2.200 (1,1)% +1,8%
Supply Chain Europe 2.482 2.432 +2,1% +7,7%
Supply Chain US 701 682 +2,7% +2,5%
Global Forwarding 164 202 (18,8)% (17,2)%
Inter-divisione (97) (101) (4,3)% (21,0)%

 

Totale consolidato

 

5.425 5.415 +0,2% +3,8%

 

 

Fatturato per paese:

 

(M€) 2016 2015

Variazione

2016 vs 2015

Variazione a tassi di cambio costanti
Francia 1.717 1.720 (0,2)% (0,2)%
Regno Unito 1.530 1.556 (1,7)% +11%
Stati Uniti 720 708 +1,7% +1,4%
Spagna 586 580 +1,1% +1,1%
Altri 873 851 +2,6% +4,0%

 

Totale consolidato

 

5.425 5.415 +0,2% +3,8%

 

 

Contributo all'EBIT per unità di business:

 

(M€) 2016

2015

 

Variazione

2016 vs 2015

Transport Solutions 42.713 27.661 +54,4%
Supply Chain Europe 117.886 67.065 +75,8%
Supply Chain US 46.995 24.566 +91,3%
Global Forwarding (2.662) (15.948) (83,3)%

 

Totale

 

204.931 103.344 +98,3%

 

 

In conformità con le linee guida AMF pubblicate a luglio 2016, la Società ha rivisto gli Indicatori Alternativi di Performance (IAP) utilizzati negli anni scorsi (EBITA, EBITDA, EBIT, EBITA rettificato e EBITDA rettificato). Per semplificare la propria comunicazione, la Società ha scelto di comunicare sull'EBIT che è direttamente presentato sulla prima pagina del suo conto economico e nella sezione informativa del bilancio di esercizio.

 

 

Il bilancio di esercizio per l'anno chiuso al 31 dicembre 2016 è stato presentato dal Consiglio di Amministrazione il 13 febbraio 2017 ed è stato esaminato dal Consiglio di Sorveglianza il 21 febbraio 2017. Il bilancio d'esercizio civilistico e consolidato è stato sottoposto a revisione e la relazione del collegio sindacale, in vista della certificazione, sarà pubblicata a breve.

 

 

(1) Le variazioni a tassi di cambio costanti sono calcolate applicando i tassi di cambio 2016 alle cifre relative al 2015 espresse in valuta locale.

(2) II conto economico 2016 include € 40,1 milioni di ricavi su cessioni di assets e ristrutturazioni di fondi pensione (contro € 3,6 milioni nel 2015) e € 24,2 milioni di rettifiche positive su earn-out (€ 6,3 milioni nel 2015). L'EBIT 2015 era stato impattato da rettifiche di valore sull'avviamento per € 14,0 milioni (zero nel 2016). Infine, altri elementi non ricorrenti, come i costi di rebranding o le commissioni di acquisizione hanno registrato un calo di € 38,0 milioni nel 2016.

(3) Il debito netto è composto da debiti finanziari e scoperti bancari, meno il contante ed equivalente contante.

 

Testo tradotto dall’inglese. In caso di dubbi o differenze di interpretazione, farà fede la versione originale del documento.


Scarica il PDF